Inicio » Noticias » Putin: “No alla forza, credo nella democrazia Monti un kamikaze per il bene dell’Italia”.

Putin: “No alla forza, credo nella democrazia Monti un kamikaze per il bene dell’Italia”.

 Il premier russo, candidato presidente nelle elezioni di domenica, racconta la sua visione della Russia e del mondo. “Se ci saranno brogli? C’è il tribunale”; “Al potere 24 anni? Se la gente è d’accordo”; “L’Iran? Ha diritto al nucleare civile”. E su Berlusconi dice: “Siamo ancora grandi amici” di EZIO MAURO

NOVO-OGAREVO (MOSCA) – La terza candidatura alla presidenza della Russia, più un mandato da premier? “Perfettamente normale, io passo attraverso le elezioni, la gente decide”. I brogli elettorali? “Non mi risulta, ma per questo ci sono i tribunali”. La piazza in protesta che denuncia “Russia Unita” come un partito di malfattori? “Puri slogan elettorali, battute da comizio”. Vladimir Putin risponde per due ore e mezza alle domande sui problemi di democrazia in Russia.

Presenta il suo programma per i sei anni di presidenza se domenica sarà eletto, scioglie i dubbi e ricandida ancora una volta Dmitrij Medvedev come premier, si impegna a non usare il pugno di ferro con l’opposizione e affronta i grandi temi aperti in politica estera: la Siria (“Noi vogliamo evitare che succeda quel che è successo in Libia, con quell’esecuzione medievale di Gheddafi”), l’Iran (“Ha diritto di avere il suo programma nucleare civile, sotto il controllo internazionale”), gli Stati Uniti (“Quando l’ho incontrato Obama in questa stessa sala, mi sono riconosciuto nelle sue idee”).

Infine, l’Italia: “Monti è un kamikaze, sta facendo tutto benissimo, me l’ha detto proprio ieri Silvio Berlusconi, di cui continuo ad essere un grande amico”.

Ci sono più poliziotti qui che nel centro di Mosca, anche nella zona del Cremlino. Si abbandona la Rubliovka (una volta circondata solo da dacie di legno e betulle, mentre adesso le vecchie case si trovano di e NOVO-OGAREVO (MOSCA) – La terza candidatura alla presidenza della Russia, più un mandato da premier? “Perfettamente normale, io passo attraverso le elezioni, la gente decide”. I brogli elettorali? “Non mi risulta, ma per questo ci sono i tribunali”. La piazza in protesta che denuncia “Russia Unita” come un partito di malfattori? “Puri slogan elettorali, battute da comizio”. Vladimir Putin risponde per due ore e mezza alle domande sui problemi di democrazia in Russia.

Presenta il suo programma per i sei anni di presidenza se domenica sarà eletto, scioglie i dubbi e ricandida ancora una volta Dmitrij Medvedev come premier, si impegna a non usare il pugno di ferro con l’opposizione e affronta i grandi temi aperti in politica estera: la Siria (“Noi vogliamo evitare che succeda quel che è successo in Libia, con quell’esecuzione medievale di Gheddafi”), l’Iran (“Ha diritto di avere il suo programma nucleare civile, sotto il controllo internazionale”), gli Stati Uniti (“Quando l’ho incontrato Obama in questa stessa sala, mi sono riconosciuto nelle sue idee”).

Infine, l’Italia: “Monti è un kamikaze, sta facendo tutto benissimo, me l’ha detto proprio ieri Silvio Berlusconi, di cui continuo ad essere un grande amico”.

Ci sono più poliziotti qui che nel centro di Mosca, anche nella zona del Cremlino. Si abbandona la Rubliovka (una volta circondata solo da dacie di legno e betulle, mentre adesso le vecchie case si trovano di franco vetrine Ferrari e Maserati, il Luxury Village, addirittura un Billionaire) e si gira a destra per una strada silenziosa e vuota col divieto d’accesso in cima, in mezzo ad un bosco pieno di neve. In fondo un grande muro bianco sormontato dall’aquila imperiale della Russia.

Quando si apre il gigantesco cancello di ferro si entra nella zona proibita di Novo-Ogarevo, il comprensorio del nuovo potere russo. A destra nel parco c’è la casa dove abita Putin, invisibile a tutti. A sinistra la pista per gli elicotteri. Davanti, adesso, un altro cancello con soldati di guardia in mimetica. Ed ecco la dacia dove Putin da dodici anni fa gli onori di casa a Capi di Stato e di governo e riceve i suoi ospiti ufficiali. Una grande costruzione gialla in stile moscovita virato al classico, con le colonne bianche sotto una piccola terrazza curva.Al primo piano, la sala da pranzo dove durante la cena si è svolta l’intervista con i direttori di alcuni tra i principali giornali internazionali: James Harding del Times, Gabor Steingart di Handelsblatt, John Stackhouse del Globe and Mail, Yoshibumi Wakamiya dell’Asahi Shimbun, Sylvie Kauffmann direttrice editoriale di Le Monde, e Repubblica. Ecco il testo dell’intervista.

Il giorno dopo il voto per la Duma, è rimasto sorpreso di vedere così tanta gente in piazza a protestare?
“Perché dovrei sorprendermi? Non c’è nulla di strano. Allora da voi, con migliaia di persone in strada per la crisi? Io sono contento, perché questo significa che le strutture del potere devono reagire, sono costrette a farsi venire delle idee per risolvere i problemi. Questa è una cosa costruttiva, una grande esperienza per la Russia”.

Ma lei non dà ascolto agli oppositori, non parla mai con loro. Perché?
“Io parlo con tutti, anzi una volta ogni dieci giorni sono fuori da Mosca a incontrare dirigenti, operai, sindacati, gente della strada. Questa è la caratteristica della mia esperienza nel potere russo. L’altro giorno, quando è esplosa ad Astrakan una casa per il gas con morti, feriti e gente senza tetto, sono andato da loro, sono salito sull’autobus dove avevano trovato rifugio e ho pensato che questo è il mio dovere: il rapporto con la gente, di qualunque colore politico sia”.

Ma lei non dialoga mai con la piazza e coi suoi leader. Come mai?
“Un momento, io li rispetto. Anche se molti di loro erano leader già in passato e non possono vantare grandi risultati per questo Paese. Per me, non sono i dibattiti o le promesse che fanno la differenza. La fiducia viene dai risultati raggiunti in questi anni”.

I sondaggi dicono che lei può vincere le elezioni al primo turno. Ma come si sente quando ascolta gli slogan urlati in piazza che definiscono il suo partito, Russia Unita, come una formazione di ladri e malfattori?
“Queste sono frasi ad effetto, puri slogan. I loro capi sono stati al potere, hanno ricoperto cariche. Discutere in base a un linguaggio populista non è buona cosa. Non dicono mai niente che serva a risolvere i problemi”.

Ma non crede che questo scambio ripetuto di incarichi al vertice tra lei e Medvedev dia vita ad una sorta di oligarchia politica e a un sistema bloccato?
“Senta, e allora Kohl, sedici anni al potere, cos’era? Di Berlusconi non parlo perché è un mio amico. Ma il Premier canadese, altri sedici anni. Perché solo noi diventiamo oligarchi? Penso che candidarci sia un nostro diritto purché si agisca nell’ambito della legge e della costituzione. Di che oligarchia andiamo parlando…”.

Ma vediamo in concreto: lei nominerà Medvedev al suo posto come Primo Ministro?
“Sì, se sarò eletto, lui sarà il mio Premier”.

Ma dove ha sbagliato Medvedev? Perché lei pensa di essere più adatto di lui alla presidenza della Russia, e di meritarsela di più?
“Ma quando mai ho detto una cosa simile? Noi abbiamo un accordo preciso, che si basa su questo: se i risultati della nostra opera sono buoni e le cose migliorano, noi dobbiamo valutare insieme serenamente chi ha più chance di essere eletto, e gode di maggior fiducia tra i cittadini. Cosa c’è di strano? Alla fine di quest’anno abbiamo visto che toccava a me perché il mio consenso era più alto di due punti percentuali. E non poteva che essere così, visto che i poveri si sono dimezzati e il reddito è cresciuto di 2,4 volte, mentre abbiamo ripreso in mano un Paese a pezzi e abbiamo rianimato l’esercito, risollevando perfino l’indice di natalità, problema di tutta l’Europa. La gente sa che queste cose le ha fatte il governo. Ecco dove nasce la mia ricandidatura”.

Ma lei pensa di ricandidarsi anche per il prossimo mandato, rimanendo al potere addirittura 24 anni?
“Se alla gente va bene, perché no? Ma in realtà non lo so, non ci ho proprio pensato”.

Lei ha il consenso delle campagne e della periferia, ma la nuova classe media urbana, quella delle grandi città, aperta alle nuove tecnologie e alla modernizzazione del Paese vuole cambiare ed è contro di lei. Cosa risponde?
“Siete proprio sicuri che la classe media sia contro di me? Magari in questa fascia di popolazione il consenso per me si riduce, ma è sempre la maggioranza. E poi, bisogna essere obiettivi: loro sono la novità, la Russia moderna, ma il nuovo non sta tutto qui. Anche nell’agricoltura, ad esempio, è in atto un processo di modernizzazione tecnologica. Non facciamo errori, ci vuole equilibrio. Però, certo, ammetto che la classe media è più esigente, e si scontra direttamente coi problemi, la corruzione, il malfunzionamento della burocrazia. E noi dobbiamo dare risposte. Ma questo riguarda tutto il sistema politico”.

Parlando con i leader degli oppositori, si avverte il timore che lei dopo il voto possa avere la tentazione di una prova di forza contro il dissenso. Cos’ha da dire?
“Ma di che hanno paura? Perché dovrei farlo, se stiamo agendo esattamente in senso contrario? La nostra strategia è quella del dialogo. Del resto anche Medvedev ha presentato una legge per rinnovare e aprire il sistema politico, rendendo più facile la nascita di nuovi partiti e introducendo nuovi criteri per le elezioni della Duma. Quindi non capisco da dove nascano questi timori”.

Nascono dalle denunce di brogli e falsificazioni alle ultime elezioni politiche. Lei minimizza, ma non crede che questi episodi gettino un’ombra sul sistema di potere russo?
“Non so, ma esiste una legge: rivolgersi al tribunale. In passato è successo, gruppi di persone si sono rivolti alla giustizia e i risultati sono stati modificati. Ad esempio a San Pietroburgo”.

Ma quando un leader dell’opposizione come Aleksej Navalnyj denuncia sul suo sito la marcia della corruzione attraverso la Russia, tema sensibilissimo, lei cosa ne pensa?
“Molte persone anche nelle alte sfere del potere sono stati inquisiti e processati. Però bisogna avere le prove, deve esserci un processo. Non faremo mettere in galera la gente se non esistono riscontri indiscutibili sulla loro colpevolezza. È uno sport che nel passato del nostro Paese si è praticato troppo, e ha fatto molte vittime innocenti coi processi sommari. Non lo ripeteremo”.

La corruzione sembra dilagare soprattutto nei quadri intermedi, non nel vertice. Perché?
“Ripeto, ogni caso va dimostrato in un libero tribunale. Navalnyj? Anche un suo consigliere ha avuto problemi per abuso in atti d’ufficio. Ma voglio dire che scoprire casi di corruzione corrisponde sempre all’interesse dello Stato. Quello che non mi piace è che tutto questo venga usato a fine politico”.

Perché non rivelate i vostri redditi come in Occidente? Negli Usa un candidato deve addirittura quasi calarsi i pantaloni. Da voi?
“Calarsi i pantaloni, forse, darebbe qualche impulso al voto. Ma non è necessario. Noi abbiamo tutto a posto, non vi preoccupate, e già diciamo quanto guadagniamo”.

Lei pensa che il peggio della crisi economico-finanziaria sia passato? E appoggia l’austerità di Merkel e Sarkozy o crede più utile puntare sulla crescita?
“Non so rispondere. Ma penso che per superare davvero la crisi bisogna affrontare i fondamentali, che sono l’overproduzione e la saturazione dei mercati. Ci vuole un cambio di priorità, passare dalla finanza all’economia reale. Non voglio dare giudizi su Merkel e Sarkozy, so che la situazione è molto difficile, e al loro posto avrei forse scelto la stessa politica. Non si può superare un burrone in due balzi, bisogna farlo con un salto solo. Basta però non esagerare con l’imposizione della disciplina economica e della rigidità, se no si arriva al collasso e alla stagnazione. C’è una sottile frontiera che dobbiamo stare attenti a non varcare. Se i bond europei potranno aiutare, noi saremo d’accordo, così come se la Bce dovesse fare emissioni per contrastare il debito. Noi comunque daremo una mano, nel limite delle nostre possibilità”.

Quale pensa sarà il futuro della Ue e dell’euro?
“Il nostro maggior partner commerciale è l’area euro, arriva al 50 per cento. Ecco perché siamo molto interessati alla crescita della Ue e al suo risanamento e ci auguriamo che l’euro mantenga le sue posizioni. Non dimenticate che il 40 per cento delle riserve della Russia è in euro”.

C’è molta preoccupazione in Occidente per ciò che succede in Siria. Le armi usate sono russe, nell’ultimo mese sono morte centinaia di persone. Come si pone lei il problema di fermare questa violenza?
“La gente guarda la Siria coi vostri occhi, ciò che voi mostrate sui giornali e in tv. C’è un conflitto civile armato, e il nostro obiettivo non è di aiutare governo o opposizione armata, ma di arrivare ad una pacificazione. Non voglio che si ripeta la Libia. Ve la ricordate quell’esecuzione medievale di Gheddafi? E dopo? Donne violentate a centinaia, bambini che muoiono, gente che soffre. Lo avete scritto? Troppo poco. Noi non vogliamo che in Siria succeda niente di simile. Quanto alle armi, il nostro interesse non è più alto di quello che può avere la Gran Bretagna, Non abbiamo con la Siria nessun rapporto speciale, ma vogliamo costringere entrambe le parti a fermare la violenza”.

Perché non avete firmato la risoluzione dell’Onu sulla Siria?
“Ma voi l’avete letta? Io sì. C’è scritto che bisogna portare via le truppe governative dai villaggi dove si trovano. Ma perché non dire che deve ritirarsi anche l’opposizione armata? Così Assad non avrebbe mai accettato. Facciamo sedere le parti ad un tavolo, apriamo le trattative, questa è la strada”.

Ma lei crede che Assad dopo tutto questo possa restare al potere?
“Non lo so, sono le parti che si devono mettere d’accordo. Con gli sforzi congiunti di Unione Europea, Stati Uniti e Russia possiamo farcela. Una cattiva pace è sempre meglio di una buona guerra”.

Cosa pensa delle minacce iraniane nei confronti di Israele?
“Stiamo parlando di una regione esplosiva, discorsi troppo bellicosi in quell’area possono essere molto pericolosi. Ma l’Iran ha diritto ad avere un suo nucleare civile, certo sotto il pieno controllo delle organizzazioni internazionali e dell’Aiea”.

Se l’Iran verrà attaccato, che farà la Russia?
“Per anni, e negli ultimi dieci in particolare, la Russia ha avuto una posizione precisa. I nostri soldati non escono dalle frontiere della Russia, e questa è una impostazione ferma, di principio, per la pace. Negli ultimi dieci anni si è ricorsi troppo spesso all’uso della forza per risolvere i conflitti internazionali. E questo lascia un’impronta negativa nelle relazioni tra Stati, e spinge certi Paesi a cercare l’arma nucleare come strumento di difesa”.

Come sono i rapporti con gli Usa?
“Proprio in questa sala ho visto Obama due anni fa. Mi è sembrato franco e sincero, e molte cose che diceva sono le stesse che penso io. Io non so se riuscirà nei suoi intenti, ma non si può dire che i nostri rapporti non siano buoni. Le discussioni sullo scudo stellare? Le ho avute anche con Bush. Noi non vogliamo che lo scudo ci minacci, loro dicono che è orientato solo verso sud, noi chiediamo che ce lo mettano per scritto: loro dicono che ci dobbiamo fidare. Ecco la questione”.

Lei è stato amico molto stretto con Silvio Berlusconi, costretto a dimettersi dal calo di fiducia e di consenso. Cosa pensa dei primi mesi del suo successore Mario Monti?
“Di Berlusconi non ‘ero’ amico, lo sono sempre. Monti mi sembra che stia facendo tutto bene, assolutamente. Certo, il suo compito è molto difficile. Il primo ministro italiano è un kamikaze. I compiti che devono affrontare i leader dell’Italia e della Grecia possono essere svolti solo da persone che non hanno ambizioni politiche per il futuro, uomini responsabili, che amano il loro Paese, professionisti. Monti mi sembra una persona molto capace e tenace, me lo ha detto proprio Silvio ieri, aggiungendo di avere molto rispetto per lui. Ha aggiunto: lo aiuteremo”.

Un’ultima domanda personale. Sua moglie non si vede da molto tempo: come mai?
“Mia moglie non è un personaggio pubblico. Quando lo sei, devi avere a che fare con i mass media, che non sono sempre delicati. Mia moglie e la mia famiglia non fanno politica, non fanno business, io voglio che le cose restino così, anche per la loro sicurezza”.

Qualche grave errore che si rimprovera in questi dodici anni di potere?
“Sbagli sì, tanti errori di valutazione. Ma un errore veramente grave non riesco a vederlo”.

L’intervista è finita. Putin guarda l’orologio, si fa portare due fette di pane dopo il dessert e il tè e saluta: il corteo di auto nere lo porta a giocare a hockey con le sue guardie del corpo, qui vicino, mentre ormai è notte intorno alla dacia del potere.

(02 marzo 2012)

*****
Anuncios

2 comentarios

  1. auto insurance quote…

    Putin: “No alla forza, credo nella democrazia Monti un kamikaze per il bene dell’Italia”. « POLIS…

  2. I am not positive where you are getting your information, but good topic. I must spend a while learning more or working out more. Thank you for excellent info I used to be on the lookout for this information for my mission.

Responder

Introduce tus datos o haz clic en un icono para iniciar sesión:

Logo de WordPress.com

Estás comentando usando tu cuenta de WordPress.com. Cerrar sesión / Cambiar )

Imagen de Twitter

Estás comentando usando tu cuenta de Twitter. Cerrar sesión / Cambiar )

Foto de Facebook

Estás comentando usando tu cuenta de Facebook. Cerrar sesión / Cambiar )

Google+ photo

Estás comentando usando tu cuenta de Google+. Cerrar sesión / Cambiar )

Conectando a %s

A %d blogueros les gusta esto: